Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Open Studio & Conferenza @/SAC Malmaison – ROOTS & Carlo Brentari

Foto Ritratto Unitn 2019

Il 21 aprile 2024, alle ore 17.00, presso SAC Malmaison, sarà organizzata, con il sostegno dell’IIC di Bucarest, nell’ambito del progetto di ricerca performativa ROOTS (in programma a Bucarest dal marzo al maggio 2024), la conferenza “Verso un’identità a livello di specie. Il possibile significato per gli esseri umani di avere un’identità radicata nel mondo animale non umano” di Carlo Brentari, docente universitario presso l’Università degli Studi di Trento (Italia), Dipartimento di Studi Umanistici.

La maggior parte degli approcci nell’etica filosofica (imperativo categorico, teorie della virtù, utilitarismo, teoria dei diritti, ecc.) non vengono utilizzati per definire il livello di rilevanza delle questioni, ma per analizzare e discutere questioni già sentite come urgenti. Questo contributo assume una prospettiva diversa. Quali tipi di questioni etiche emergerebbero se la percezione individuale e collettiva che gli esseri umani hanno riguardo a se stessi cambiassero? Cosa accadrebbe se la loro identità si riorganizzasse attorno alla consapevolezza del fatto di essere innanzitutto membri di una specie biologica evolutasi in un ambiente specifico (il pianeta Terra) e legata ad altre specie da una fitta rete di relazioni ecologiche, pragmatiche e basate su valori? L’uomo è una specie straordinaria che, con l’aiuto del linguaggio, del pensiero simbolico e della differenziazione culturale, ha portato una grande diversità nel campo degli essere viventi, ma è anche una specie esposta a grandi rischi: è la sua attuale percezione di sé che gli crea difficoltà nel comprendere la portata dei problemi che deve affrontare, come la crisi climatica e la drammatica estinzione delle specie non umane.

Carlo Brentari è professore di bioetica, antropologia filosofica e filosofia della biologia presso l’Università degli Studi di Trento (Italia). Le sue aree di ricerca sono l’etica ambientale, gli studi uomo-animale, la biosemiotica, la filosofia del linguaggio e la filosofia della natura. Tra le sue pubblicazioni più recenti ricordiamo: Verso l’identità di specie (Orthotes, 2023); How to Think About Human-Animal Differences in Thinking, nel volume Thinking. Bioengineering of Science and Art (a cura di N. Rezaei, A. Saghazadeh) (Springer 2022).

  • Organizzato da: AREAL - spazio per lo sviluppo coreografico
  • In collaborazione con: IIC Bucarest